INTERVISTA @ GLAMOUR

«Due giovani imprenditrici della comunicazione moda raccontano la loro storia e rispondono alle vostre domande.

Hanno fondato la loro agenzia di comunicazione nel settore della moda, No words, 5 anni fa e sono appena venute a trovarmi in redazione. loro sono Elisa Airaghi, 30 anni (a sinistra) e Manuela Cappellini, 32 (a destra).

Mi è venuta voglia di raccontare la loro storia perché loro me l’hanno raccontata bene: con un bell’entusiasmo, ma senza nascondere le difficoltà pazzesche che due giovani imprenditrici incontrano quando avviare una startup.

E anche ora che il loro business, nonostante la crisi, funziona e cresce, le complicazioni non finiscono.
forse viviamo proprio in un paese dove chi ha coraggio, chi intraprende non trova intorno a sè un ambiente che ti aiuta, ti supporta, ti favorisce. ANZI!!!

Ma lasciamo la parola a loro, a Manuela per cominciare:
«abbiamo fondato No Words, ormai 5 anni fa, quando Elisa aveva solo 25 anni e io 27. abbiamo fatto tutto da sole senza finanziamenti (a volte per chiederli ci vogliono procedure così complicate che ti arrendi prima). abbiamo messo in gioco tutti i nostri risparmi. abbiamo fatto grandi, grandissimi sacrifici economici: siamo partiti senza nessun cliente in portafoglio… e per un anno e mezzo circa non ci siamo date neppure lo stipendio».

dove vi siete conosciute?
Elisa «eravamo tutte e due in un’agenzia di comunicazione. lavoravamo sodo e bene. ma avevamo voglia di cambiare… io una sera ho chiamato Manuela e le ho proposto questa “pazzia”: perché non ci mettiamo in proprio? 
il nostro motto sin da subito é stato NO WORDS JUST THE NEEDED ONES, ovvero fare le cose al meglio senza troppe “chiacchiere” ma con determinazione e velocità! e No words è diventato anche il brand dell’agenzia».

come avete trovato il primo cliente?
Manuela «abbiamo individuato aziende della moda medie o medio piccole. e abbiamo cominciato a telefonare. ricordo ancora l’incontro con il nostro primo cliente JanSport. ci siamo presentate senza neanche un portfolio. ma il loro responsabile marketing è stato il primo cliente: ha creduto in noi. a posteriori ci ha detto che gli era piaciuto il nostro entusiasmo, la nostra motivazione.
noi abbiamo ricambiato la sua fiducia con tanto impegno. ci siamo concentrate su di lui».

che altre strategie per promuovervi avete utilizzato?
Elisa «le + tradizionali: abbiamo partecipato alle fiere. ma lavoriamo anche insegnando comunicazione alle scuole per poter far girare il nostro brand, per conoscere sempre persone nuove».

la difficoltà più grande è trovare clienti?
Manuela «forse ancora più difficili sono i rapporti con le banche. all’inizio non volevano neppure farci aprire il conto. immagina farti dare prestiti e fideiussionidopo 5 anni, noi pensavamo che la fase di start up fosse finita ma, reduci da due traslochi (avvenuti fortunatamente per miglioramenti ed ingrandimenti di spazi) ci siamo trovate a ripartire quasi da capo: 6 mesi d’affitto anticipato, fideiussioni, costi di trasloco. grande stress mentale ed economico!.
e poi devo dire che anche la gestione delle persone non è semplice. in fondo siamo tutte coetanee».

a proposito di clienti quanti ne avete oggi?

Elisa «sono una decina: oltre a JanSport che ci è rimasto fedele nel tempo, c’è A.C Milan LicensingAdidas Sport PerformanceAdidas By Stella McCartneyLuisa BriniManoushSperry Top-SiderSweet MatildaTaglia 42Too LateTraffic People e Vittoria Romano».

e da un punto di vista fiscale, le difficoltà?

Manuela «non parliamone: la gestione di cassa, F24, Riba…. tutto cambia ogni anno. per fortuna abbiamo trovato una commercialista che va oltre il suo compito di tenerci i conti. ci consiglia sul da farsi. anche lei ha finito per credere in noi. ed è una partner prima che un fornitore. ecco… questo è proprio un consiglio che mi sentirei di dare a chi parte per l’avventura del mettersi in proprio: scegliete clienti, partner e fornitori con cui instaurate vere relazioni di fiducia e stima reciproca. fa la differenza».

e poi sai che ti dico. se qualcuno dei lettori di lavorincorsa ha qualche domanda per noi su come si comincia un business nella comunicazione, siamo qui e rispondiamo. »

Direct link: http://lavorincorsa.glamour.it/2013/01/03/due-giovani-imprenditrici-della-comunicazione-moda-raccontano-la-loro-storia-e-rispondono-alle-vostre-domande/